Il pane dalla preistoria ai giorni nostri

 

Il pane, già conosciuto fin dalla preistoria come impasto d'acqua e cerali macinati grossolanamente e cotto su pietre roventi ha da sempre presso tutte le popolazioni un significato sacro come simbolo del nutrimento e, quindi, della vita. Durante l'impero romano la panificazione era un servizio pubblico organizzato in oltre trecento panetterie distribuite nell'urbe. In epoca feudale comparvero i mulini in uso ai singoli Signori. Soltanto col sorgere dei comuni, i fornai organizzarono le loro corporazioni e la panificazione fu regolata da prescrizioni molto rigide. Ai primi dell'ottocento, con le prime impastatrici meccaniche cominciò la fabbricazione del pane su scala industriale successivamente perfezionata con la scoperta dei lieviti attuali.